Diritto all'Oblio
Tel. + 39 06 39754846


Diritto all'oblio Cancelliamo i dati indesiderati
Richiedi informazioni o chiama 06 39754846

Pubblicato da Redazione il 19 Marzo 2021

Cancellare Notizie dalle Ricerche Google e Norme per i Webmaster

Le norme per i webmaster di Google rappresentano alcune regole essenziali per chi realizza un sito web.  L’eventuale trasgressione di queste linee guida potrebbe comportare perdite nei Ranking o sanzioni importanti. Le norme per i webmaster di Google afferiscono al settore della qualità, in modo generale, ma anche più dettagliato, che ogni webmaster deve seguire per organizzare in modo adeguato il sito web ed evitare le pratiche che Google considera negative.

Norme per i Webmaster Google: le regole generali

Google ha disposto le norme per i suoi webmaster perché possa esserci un controllo dei risultati di ricerca, un loro miglioramento, soprattutto nella qualità. Pertanto, attraverso la previsione di queste norme per i webmaster, Google ha voluto combattere i contenuti fraudolenti, ingannevoli e riconosciuti come spam, perché i siti offrano contenuti di buona qualità agli utenti. Così come esistono norme per creare un sito web e fare in modo che venga indicizzato sui motori di ricerca, esistono passi precisi da compiere per eliminare notizie da Google. Così come si decide di iniziare ad apparire ed essere presenti sui motori di ricerca, si può decidere di sparire da Google

Le norme per i Webmaster Google si distinguono in due parti: le norme generali e le norme sulla qualità. In questo contenuto si approfondirà l’argomento delle norme generali. Le norme generali per i webmaster Google indicano i principi da mettere in pratica, perché le pagine soddisfino i criteri di reperibilità, elaborazione ed usabilità. Perché un sito web sia reperibile, Google indica ai suoi webmaster di collegare tra di loro i contenuti, attraverso link presenti su pagine già indicizzate. Le pagine non ancora raggiunte da Google possono essere collegate tramite link interni, attraverso un Anchor Text rilevante. I webmaster possono usare anche Google Search Console per collegare manualmente il sito a Google, così da favorire l’indicizzazione. Creando una Sitemap XML, la procedura è ancora più facile. Il secondo requisito un sito web è l’elaborazione, perché i suoi contenuti siano facilmente comprensibili da Googlebot.

A tal proposito, il processo di indicizzazione di Google deve realizzarsi in modo che il contenuto del sito dovrebbe sia elaborato in modo trasparente e le informazioni siano utili all’utente. Infatti, le norme per i webmaster Google prevedono che i contenuti rilevanti per l’utente siano sempre visibili e non nascosti da altri elementi considerabili meno utili dal motore di ricerca. Sempre Search Google Console prevede un’apposita sezione, utile per evidenziare eventuali problemi d’indicizzazione, in modo che possano essere applicati i giusti correttivi. Infine, un sito web deve rispettare il requisito dell’usabilità. Secondo le norme per i webmaster Google, il contenuto di un sito web deve veicolare informazioni utili, ma prestare attenzione anche alla velocità delle stesse. I tempi di caricamento rappresentano un criterio di qualità in grado di definire l’usabilità di un sito. Google mette a disposizione un proprio tool proprio per questo scopo. Infine, le regole per i webmaster Google prevedono che le pagine siano raggiungibili attraverso il protocollo HTTPS. 

Rimozione di informazioni da Google

Il comando di “Ricerca Google” raccoglie, diffonde e fornisce agli utenti informazioni e contenuti attinti dai siti di tutto il Web. Contattando il proprietario del sito web che ha pubblicato alcune informazioni, diventa possibile chiedere la rimozione dei contenuti che riguardano l’utente dai risultati di ricerca restituiti da Google. Una volta rimosse, Google non potrà includerle più tra i suoi risultati di ricerca. Se il proprietario del sito web non le elimina, Google rimuoverà alcuni quelle informazioni personali di natura sensibile. Per prendere contatti con il proprietario del sito web sarà importante agire nel seguente modo: 1. usare il link “Contattaci”: attraverso questo link o l’indirizzo email del proprietario del sito, rintracciabile in fondo alla home page del sito, sarà possibile entrare interagire con il proprietario; 2. Reperire i contatti attraverso il protocollo “Whois”: si può effettuare  una ricerca Whois (da “who is?”, “chi è?”) in riferimento al proprietario del sito mediante Google. L’indirizzo email per contattare il proprietario del sito si trova generalmente nella sezione “Email registrante” o “Contatto amministrativo”; 3. Contatto diretto con la società di hosting del sito, reperibile dalla ricerca Whois”, che fornisce informazioni su chi ospita il sito web. Se non si riesce raggiungere il proprietario del sito web, si potrà contattare la società di hosting del sito. Tuttavia, se il proprietario del sito web ha eliminato questi contenuti, le informazioni saranno eliminate dalla Ricerca Google attraverso una semplice procedura di aggiornamento. 

Se si desidera rendere più veloce la procedura di rimozione dalla Ricerca Google, bisognerà fare ricorso allo strumento per la rimozione di contenuti obsoleti. Però, se non si riesce ad eliminare i contenuti da un sito web, Google può rimuovere le informazioni personali potrebbero nuocere all’utente, soprattutto per casi di furto di identità, frode finanziaria o altri danni particolari. Così, diventa possibile chiedere l’eliminazione di immagini personali intime o troppo riconoscibili e contenuti pornografici condivisi senza consenso; contenuti che riguardano l’utente e che si rintracciano su siti che rimuovere le immagini, ma solo dietro il pagamento di un corrispettivo; i contenuti di “doxxing”/contenuti che mostrano informazioni di contatto con l’obiettivo di creare danno.

Qualora la richiesta di eliminazione non rientri nelle linee guida predisposte da Google, si può effettuare una richiesta di rimozione specifica, al seguente link. Infine, Google elimina contenuti afferenti a motivi legali molto precisi, come le eventuali segnalazioni per violazione del copyright, in conformità a quanto previsto dal DMCA (Digital Millennium Copyright Act) e immagini pedopornografiche. Se si desidera effettuare una eliminazione per motivazioni di natura legale, sarà opportuno ricorrere allo strumento per la risoluzione dei problemi legali, inserendo informazioni precise  per consentire a Google di effettuare i relativi accertamenti e procedere per la risoluzione della questione.

#motori di ricerca#rimozione google#webmaster google